The Trench Trend - Storia e curiosità

Trench Abbigliamento Vintage Angelo

 

La capacità più innata degli esseri umani è saper trovare il lato positivo in ogni cosa. Prendiamo le giornate d'autunno: malinconiche, buie e piovose, eppure qualche piccolo piacere lo troviamo sempre. Uno di questi è avvolgersi, finalmente, in un raffinato trench.

Il trench è un soprabito impermeabile con cintura, né troppo leggero né troppo pesante, ideale per le temperature autunnali e primaverili che regalano fresche passeggiate all'aperto e pigri aperitivi dopo lavoro in città.

L'elegante fattura e la comoda portabilità lo rendono un classico senza tempo dell'outerwear, tanto che è difficile non trovarlo nelle selezioni dei professionisti di settore come uno dei capi essenziali del guardaroba delle donne e degli uomini che amano vestirsi bene.

 

 

Il trench: biografia di una vita audace

Nonostante vanti l'allure degli abiti di più elevata raffinatezza, la storia del trench è affascinante e spericolata come un romanzo d'avventura.

Le versioni embrionali del trench, infatti, furono realizzate per i soldati dell'esercito per scopi puramente funzionali.

 

Tessuto Trench Vintage Catherine Deneuve

Il tessuto

A inizio '800, non esistevano tessuti di qualità in grado di proteggere sia dal freddo che dalla pioggia senza trattenere il sudore. Così, un signore di nome John Emery of Mayfair, in seguito fondatore del brand Aquascutum, migliorò spiccatamente la resistenza all'acqua dei primordiali impermeabili da uomo creando i “wrappers”.

Erano capi ancora troppo pesanti, però. Fu allora Thomas Burberry che, nel 1879, vedendo i camicioni rivestiti di lanolina dei pastori, ebbe l'intuizione di creare la “gabardine”, un tessuto in cui ogni filo veniva rivestito di materiale waterproof prima di essere intessuto. Siccome il rivestimento non veniva applicato sul tessuto integrale dopo la tessitura, la gabardine risultava non solo resistente all'acqua, ma anche molto più traspirante e leggero. Ancora oggi, la gabardine è il tessuto con cui vengono realizzati i trench.

Trench Storia Marlene Dietrich

Il capo

La nascita del modello di trench per come lo conosciamo, invece, risale alla Prima Guerra Mondiale. “Trench” significa infatti “trincea” perché era il soprabito più utilizzato nelle trincee: i cappotti in lana erano del tutto inadatti ad affrontare mesi e mesi nell'acqua e nel fango. Burberry e Aquascutum ingaggiarono una lotta alla versione più innovativa: da una parte, Burberry iniziò a produrre il Tielocken, un soprabito di gabardine color kaki che permetteva di mimetizzarsi meglio; dall'altra, Aquascutum mise in commercio giacche in gabardine blu e grigia di diverse lunghezze molto apprezzate dai vari gradi dell'esercito.

Al trench, impregnato del fascino da ricco ufficiale militare, sono stati così associati significati e status sociali di un certo livello: è diventato sinonimo di eleganza, potere, capacità e conoscenza, accessibile anche alle donne più aristocratiche.

Trench Cinema Humphrey Bogart

Il soprabito dei divi

Il cinema ha saputo coglierne il carisma e giocare con la sua immagine glam e intellettuale: lo indossavano Humphrey Bogart, attraente e misterioso in Casablanca (1942) e Peter Sellers, simpatico e intelligente ne Il ritorno della pantera rosa (1974), ma anche donne bellissime come la sensuale Marlene Dietrich in Scandalo internazionale (1948), l'eterna Audrey Hepburn in Colazione da Tiffany (1961) o l'algida Catherine Deneuve in La mia droga si chiama Julie (1969). Meryl Streep lo sfoggia con la stessa orgogliosa nonchalance in Kramer contro Kramer (1979) e ne Il diavolo veste Prada (2006).

Trench Vintage Audrey Hepburn

L'arte del trench

Perché il trench, nato per motivi del tutto estranei alla moda, è diventato un classico senza tempo? 

Noi ce lo spieghiamo così: il trench ha saputo coniugare l'esigenza della funzionalità di proteggersi dalle intemperie (del meteo, della vita quotidiana) con il valore estetico e concettuale di un capo studiato nei minimi dettagli, disegnato per rendere fiero, distinto e raffinato il portamento di chi lo indossa.

Resta comunque un capo camaleontico, declinabile a seconda della personalità del suo proprietario nei dettagli di colore, tasche, bottoni, fodera, colletto. Lo può indossare un principe come Carlo d'Inghilterra come Harrison Ford in Blade Runner (1982). Burberry ha addirittura avuto l'idea di lanciare una campagna, nel 2009, dal titolo The Art of Trench, l'arte del trench, in cui chiedeva al popolo social di inviare la propria foto indossando un trench, riscuotendo un grande successo e solleticando la creatività delle persone intorno a un classico.

Il trench può essere alla portata di tutti, come lo sono l'eleganza e la gentilezza. È la stessa storia del trench a raccontarci che, dalle asperità, può nascere qualcosa di bello.

Il trench perfetto è vintage

La qualità e fattura di un trench vintage sono imparagonabili: durano nel tempo, bellissimi e imperturbabili come un pezzo d'arte. Per affrontare l'autunno con grazia, cercate il trench perfetto per voi nella esclusiva selezione di capi unici vintage nel nostro negozio e nel nostro store online. Pronti al colpo di fulmine della vostra vita?

 

Trench Burberry Soprabito Vintage

Retro

Trench Burberry Dettaglio

Dettaglio della fibbia

Trench Burberry Vintage Etichetta Anni 80

Etichetta

 

Rate it

Back Top